I ministri straordinari dell’Eucaristia

La nostra Diocesi ha formato nel tempo, tra i ministeri ecclesiali istituiti, il “ministero ecclesiale della Comunione” a malati o anziani nelle loro case e ai fedeli durante la celebrazione della Messa.
Questo è un ministero che mette ancora più in risalto la caratteristica missionaria della Chiesa, perché l’Eucarestia viene portata a coloro che non possono muoversi dalle loro abitazioni e che grazie a questo servizio si sentono parte della grande comunità ecclesiale.
La nostra Parrocchia è dedicata a San Pier Giuliano Eymard che ha messo al centro della propria vita il Santissimo Sacramento per cui l’impegno di tutti è essere testimoni. In particolare la domenica che deve essere celebrata come giorno dell’Eucarestia sia da
quelli che possono recarsi in Chiesa sia da chi non potendosi muovere la celebra in casa con l’aiuto dei Ministri in comunione con Gesù Cristo in spirito di carità e di amore.
Il servizio di amministrare la santa Comunione affidato ai laici (uomini e donne) a molti fedeli sembra una novità recente, invece già nel passato portare l’Eucarestia agli infermi
non era compito dei sacerdoti.
Il Concilio Vaticano II, con la sua riforma liturgica, diede nuova vita al ministero straordinario della sacra Comunione proponendosi così di avvicinare di più i fedeli alla
liturgia, prima ed indispensabile fonte a cui attingere il genuino spirito cristiano.
La Chiesa vuole che tutti i fedeli possano facilmente accostarsi alla santa Comunione e vuole riscoprire, con l’aiuto dei Ministri, sempre più chiaramente la sua vocazione ad
esercitare la sua missione ponendo al centro l’Eucarestia ed ottenendo la molteplicità dei doni dello Spirito, perché una comunità cristiana deve avere come radice comune e
cardine la celebrazione della sacra Eucarestia.
La funzione dei Ministri è di carattere sacro e non sociale, anche se viene poi naturale ascoltare e dialogare con le persone con le quali si viene in contatto; la Chiesa richiede ai
Ministri la preghiera, lo stato di grazia ed il ringraziamento per adempiere degnamente al loro Ministero.
La conoscenza dell’ammalato o della persona anziana è molto importante, perché da essa scaturisce poi la possibilità di consolare chi soffre o si sente solo facendogli sentire che la
vera consolazione è un dono di Dio che è Padre e dello Spirito Santo, il quale oltre che assistere e difendere dà serenità, pace e gioia al credente. Questa è una forma di
evangelizzazione che nasce non solo dalle parole, ma dallo stare vicino alle persone che soffrono.
Il compito richiesto ai Ministri non è dei più semplici e richiede uno sforzo ed un cammino di fede per chi è stato chiamato, con la certezza di non essere solo, ma di avere
accanto a se una Comunità che prega e partecipa attivamente alla missione della Chiesa per il bene dell’intera umanità.

Attualmente i Ministri della nostra Parrocchia sono: (in ordine alfabetico)

BAZZANO ANGELO, BEFFA RICCARDO, BERNO ADA, CAIMI MARIA STELLA, CENTUORI GIORGIO, DEHO GRAZIELLA, FENINI LILLI, FIORE UMBERTO, GAMBARINI MATTEO, ROMERIO LUIGI.